fontane a Roma e Lazio

home

 

LA FONTANA DELLE TARTARUGHE A PIAZZA MATTEI

fra arte, storia ed acqua

La bella fontana fu realizzata, nel periodo 1581-1588, da Giacomo della Porta (come architetto) e Taddeo Landini (come scultore), nell'ambito di una complessiva sistemazione idraulica della zona in occasione del ripristino dell'acquedotto dell' acqua vergine. L'ubicazione in questa piazza fu sollecitata da Nuzio Mattei (la famiglia aveva diversi palazzi nell'isolato) che contestualmente si impegnò nella manutenzione della fontana e della piazza. Le tartarughe della vasca in alto furono poi aggiunte nel 1658 circa e da quell'epoca la fontana è appunto nota come "fontana delle tartarughe". Nelle immediate vicinanze i turisti possono ammirare anche il notevole doppio cortile di Palazzo Mattei di Giove (in via M.Caetani, all'incrocio con via dei Funari) e la chiesa di Santa Caterina dei Funari. E si tratta proprio di un breve bellissimo itinerario, a pochi passi da largo Torre Argentina, via Botteghe Oscure e dall'altra parte dal Ghetto e dal Portico d'Ottavia . Vedasi in basso anche un collegamento di approfondimento.


la fontana nel contesto di piazza Mattei, foto alpav 2012


 


zoom sugli efebi e la statuaria, foto alpav 2012



dettaglio della fontana con alcuni riferimenti relativi anche ai restauri dell'epoca di papa Alessandro VI, foto alpav 2012



la vasca superiore con le tartarughe, foto alpav 2012 (solo la tradizione attribuisce le stesse al Bernini)


 


l'insula Mattei a Roma

 

home